Informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il sito web di APL ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito “Regolamento”), questa pagina descrive le modalità di trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il sito web di APL accessibile per via telematica al seguente indirizzo:

www.agenziapiemontelavoro.it

Le informazioni rese non riguardano altri siti, pagine o servizi online raggiungibili tramite link ipertestuali riferiti a risorse esterne al dominio del presente sito web. 

Informative Privacy

 

Titolare del trattamento dei dati personali 

APL – Agenzia Piemonte Lavoro 

Indirizzo: Via Amedeo Avogadro, 30 – 10121 Torino 

Indirizzo PEC: apl@pec.agenziapiemontelavoro.it

Contatti del responsabile della protezione dei dati 

Indirizzo e-mail: DPO@agenziapiemontelavoro.it

Autorità di controllo 

Garante per la protezione dei dati personali 

Sito web: https://www.garanteprivacy.it

Base giuridica del trattamento

La base giuridica del trattamento è individuata nell’esecuzione dei compiti di interesse pubblico o connessi all’esercizio dei pubblici poteri posti in capo ad APL. 

Categorie e fonti dei dati personali, finalità e base giuridica del trattamento 

Dati di navigazione: i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di internet (es.: dati personali acquisiti mediante log di accesso al sito). Tali dati sono trattati per la gestione tecnica del sito web e per la raccolta di dati analitici sul relativo traffico. In questa categoria di dati rientrano: 

  • gli indirizzi IP (nomi di dominio dei computer utilizzati per connettersi al sito); 
  • gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste; 
  • l’orario della richiesta; 
  • il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server; 
  • la dimensione del file ottenuto in risposta; 
  • il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server; 
  • altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. 

Dati forniti dall’utente: l’invio di messaggi agli indirizzi di contatto pubblicati sul sito e di messaggi privati indirizzati ai profili istituzionali dell’Agenzia sui social media comporta l’acquisizione di tutti i dati personali inclusi volontariamente dal mittente nel testo della propria comunicazione, trattati all’unico fine del riscontro richiesto. Specifiche informative saranno pubblicate nelle pagine del sito eventualmente predisposte per l’erogazione di determinati servizi. 

Categorie di destinatari dei dati personali 

APL tratterà autonomamente i dati personali raccolti mediante il proprio personale che agisce sulla base di specifiche istruzioni fornite in ordine a finalità e modalità del trattamento medesimo. Sono destinatari dei dati personali, altresì, i fornitori di servizi tecnici e telematici, designati quali responsabili del trattamento.  

APL non trasferisce alcun dato personale a Paesi terzi o a organizzazioni internazionali.  

Periodo di conservazione dei dati personali 

I dati di navigazione sono cancellati subito dopo la relativa elaborazione statistica e, in ogni caso, non vengono conservati per oltre 15 giorni dal momento della raccolta, fatte salve eventuali necessità di accertamento di reati da parte dell’Autorità giudiziaria. 

I dati personali forniti dagli utenti sono conservati per il tempo strettamente necessario alla gestione e al riscontro della comunicazione ricevuta. 

Diritti degli utenti 

Gli interessati hanno il diritto di ottenere da APL nei casi previsti l’accesso ai propri dati personali, la rettifica o la cancellazione degli stessi, la limitazione del relativo trattamento, il diritto di opporvisi e il diritto alla portabilità dei dati, laddove ne ricorrano i presupposti. 

Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale, è diritto degli interessati proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali qualora ritengano che il trattamento dei propri dati violi il Regolamento. 

APL garantisce che non è prevista alcuna forma di processo decisionale esclusivamente automatizzato che comporti effetti giuridici sull’interessato.